OBIETTIVI DEL MASTER

L’obiettivo finale è quello di formare figure professionali in grado di gestire tutto il workflow di produzione, dall’analisi del progetto alla produzione di illustrazioni 3D e animazioni di massima qualità e ad altissimo livello di realismo, con un massiccio bagaglio di preparazione culturale, tecnico e pratico.

CP02

[1] Insegnare a modellare un oggetto con la tecnica più adatta, a generare un modello 3D a partire da una pianta, a creare e controllare forme organiche complesse in pochi clic e in modo semplice e veloce.

[2] Suggerire un metodo pratico per scegliere le inquadrature di un progetto – cosa che dovrebbe essere alla base di un buon corso di rendering per l’architettura – che significa imparare ad osservare un progetto, coglierne i tratti più seducenti e descriverli posizionando le camere nei punti giusti, sia all’interno che all’esterno, scegliendo con intelligenza le lunghezze focali da usare, componendo le inquadrature con attenzione, nel rispetto delle regole della fotografia (posizione del soggetto, taglio dell’inquadratura, regola dei terzi, prospettiva, teoria del colore, profondità di campo, esposizione, contrasti, etc).

[3] Fornire un metodo lineare e semplice per illuminare un interno o un esterno in modo gradevole, creando atmosfere che trasmettano emozioni positive, indipendentemente dalle aperture del progetto o dalla sua forma; evidenziare come in ore diverse del giorno un progetto acquisisca diverse personalità, che si esprimono in linguaggi differenti, tutte potenzialmente interessanti e meritevoli di essere mostrate al pubblico.

[4] Insegnare con chiarezza e semplicità a impostare i settaggi di render partendo da zero, facendo comprendere il loro significato profondo, mostrando come i singoli parametri influiscono sul risultato finale, combinandoli in base al livello di qualità che si desidera raggiungere e al tempo che si ha a disposizione.

[5] Svelare che ogni materiale risponde in maniera diversa alla luce che lo illumina, e può risultare più o meno realistico in funzione del livello di dettaglio dell’oggetto a cui è applicato, del contesto in cui è inserito e del modo in cui vengono riprodotte le sue caratteristiche e proprietà di riflessione/rifrazione.

[6] Dimostrare che il realismo non è nascosto in una combinazione magica e segreta di parametri di render, ma dipende da moltissime altre cose su cui raramente qualcuno ti spingerà a riflettere.

[7] Offrire la possibilità concreta di mettere in pratica tutto ciò che viene affrontato nelle lezioni teoriche in esercitazioni pratiche distribuite durante la giornata e in un laboratorio finale di 3 settimane, sempre col supporto e la guida dei docenti, e di arrivare alla conclusione del corso con un ricco portfolio di immagini pronte per essere mostrate al pubblico.

[8] Capovolgere la tua visione sulla CG3D, farti afferrare le sue reali potenzialità, e darti gli strumenti per smettere di “fare i render” e iniziare a fotografare le proprie idee con stile e professionalità, e – soprattutto – trasmettendo delle emozioni.

 

“Che software devo usare per diventare un professionista dell’Archviz?”

FS06

Il software che usate può velocizzare o rallentare la vostra produzione, può agevolarvi o rendervi difficile il percorso, ma di sicuro non sarà responsabile del vostro successo o del vostro fallimento nel mondo della CG3D.

Credete davvero che i grandi scrittori del passato o del presente debbano il successo dei loro romanzi soltanto alla qualità della carta su cui sono stampati o dell’inchiostro usato per scriverli?

Credete davvero che il successo dei grandi musicisti sia dovuto solo alla qualità dei loro strumenti o delle loro registrazioni?

Credete davvero che gli artisti della computer grafica 3D debbano il loro successo planetario solo ed esclusivamente all’hardware e ai software che hanno a disposizione durante le loro produzioni?

Le vostre immagini sono il risultato dell’applicazione delle vostre capacità tecniche unite alla vostra visione creativa e sensibilità estetica. Allenare solo le capacità tecniche o affidarvi solo alla potenza dei software e hardware che usate vi terrà sempre ancorati ad un livello basso.

Chiunque possieda il software o il computer più potente del mondo o conosca precisamente il funzionamento di luci, parametri di render ed esposizione della camera, ma sia incapace di interpretare i lati positivi di un progetto e rappresentarli componendo un’inquadratura equilibrata o di scegliere i colori giusti nel rispetto della teoria del colore, difficilmente può creare un’immagine ricca di significato, capace di sorprendere ed emozionare.

 

Pronti a combattere

GG02

I file di supporto alla didattica sono importanti per muovere i primi passi, e verranno forniti prima di ogni lezione, ma non saranno l’unico campo di addestramento né tantomeno saranno già pronti per essere renderizzati.

Non aspettatevi dunque di ricevere dei file preparati appositamente dai docenti, con settaggi di render già pronti, camera già posizionata e luci predisposte. Lavorare su questo tipo di file è facile e gratificante, tutto funziona alla perfezione, i materiali hanno effetti straordinari, i tempi di calcolo sono contenuti, il realismo viene quasi in automatico… ma nella realtà del lavoro le cose non vanno mai così.

Non è affatto facile fare i conti con le anomalie dei modelli 3D importati da altri software, con i capricci delle luci, con artefatti e disturbi che compaiono improvvisamente dal nulla come spettri e che vanno eliminati con i parametri giusti, con tempi di rendering che diventano biblici senza un’apparente ragione.

Alcuni progetti possono sfociare in combattimenti testa a testa contro il software, e lo scopo del corso è allenare i partecipanti ad uscire vittoriosi da quel ring, risolvendo i problemi con rapidità ed eleganza.

 

Workstation? No grazie.

TD10

Oltre che per abbattere i costi di partecipazione, non vengono fornite postazioni hardware perché se è vero che fluidificherebbero il lavoro e la didattica, è altrettanto vero che mettere a disposizione delle workstation da migliaia di euro significa addestrare le persone all’uso di armi super potenti per poi, alla fine dell’addestramento, catapultarle sul campo di battaglia private delle loro armi.

Uno degli obiettivi del Master è proprio dimostrare che le armi di un bravo illustratore 3D non risiedono nella potenza del suo computer o del suo software, ma nella sua testa. E il successo di un progetto non è legato alle capacità hardware a disposizione, ma all’intelligenza con cui viene affrontato, diretto, eseguito, portato a termine e presentato al pubblico.

Detto questo non bisogna illudersi di poter intraprendere con successo una carriera da professionista senza l’uso di un hardware adeguato. E’ importante però saper ottimizzare al meglio le proprie risorse, specialmente durante i primi passi, quando non sempre si hanno a disposizione computer molto performanti né tantomeno tempi di consegna generosi.

 

E non finisce qui

master-advanced-archviz-cinema-4d-vray-angelo-ferretti-giulio-ubini-01

Il Master non si limita alle spiegazioni legate all’uso del software e a trasmettere le abilità tecniche necessarie per elevare la qualità del proprio lavoro da un livello amatoriale ad un livello professionale: una volta acquisite le abilità tecniche verranno forniti tutti i suggerimenti utili a incrementare il proprio volume di lavoro tramite strategie di promozione online delle proprie skills attraverso i canali a propria disposizione (social network, blog, portfolio).

Una volta concluso il Master, ogni settimana verrà fornita ai Corsisti un’esercitazione da portare a termine nei giorni successivi, su uno dei temi trattati nei mesi precedenti. In questo modo ogni corsista avrà la possibilità di continuare ad allenare le proprie capacità e avrà l’opportunità di arricchire il proprio portfolio con immagini interessanti, che si tratti di progetti completi o di sperimentazioni e scene test su materiali speciali ed effetti visivi originali.

Incrementare la vostra presenza sul web tramite social network, avere un vostro sito web ufficiale, scrivere su un blog condividendo le proprie esperienze e considerazioni sul mondo della CG3D significa essere effettivamente raggiungibili dai vostri potenziali clienti.